Print this page

Bruce Sterling e la cultura hacker

Written by  04 Jan 2007
Published in Libri
Read 8241 times

Come recita la wikipedia: "Michael Bruce Sterling (nato il 14 aprile 1954) è uno scrittore statunitense. Celebre per Mirrorshades, una antologia di racconti di fantascienza del filone cyberpunk pubblicata nel 1986, ha pubblicato diversi romanzi di fantascienza, testi di tipo giornalistico e alcuni saggi. Nel 2003 è stato nominato professore alla European Graduate School, dove insegna nei corsi intensivi di Media e Design."

Il cyberspazio è una ossessione per Bruce. Per capire le sue idee, basta leggere il documento HACKER CRACKDOWN, gratuitamente in rete: http://www.mit.edu:8001/hacker/hacker.html 

Si scopre che Bruce ha le idee molto chiare sul fatto che il futuro sta cambiando le persone e le relazioni tra le persone. Ovviamente il saggio si concentra sulla cultura hacker e sul ruolo che svolge anche politicamente. Infatti: "The hackers of the digital underground are an hermetic elite. They find it hard to make any remotely convincing case for their actions in front of the general public. Actually, hackers roundly despise the "ignorant" public, and have never trusted the judgement of "the system." Hackers do propagandize, but only among themselves, mostly in giddy, badly spelled manifestos of class warfare, youth rebellion or naive techie utopianism. Hackers must strut and boast in order to establish and preserve their underground reputations. But if they speak out too loudly and publicly, they will break the fragile surface-tension of the underground, and they will be harrassed or arrested. Over the longer term, most hackers stumble, get busted, get betrayed, or simply give up."

Last modified on Tuesday, 09 January 2007 11:19
Rate this item
(0 votes)
Website Security Test