Print this page

Something weird, il progressive- Öyster-punk dei Mugshots

Written by  05 Dec 2016
Published in Musica
Read 5993 times

Fra i top dell’annata rock, il nuovo album della horror band bresciana mescola il dark punk degli Stranglers alle influenze hard di Alice Cooper e Blue Öyster Cult, con ospiti da Venom, Counting Crows, Death SS fino a… Enrico Ruggeri e Delirium!


Ruggeri“Televisione, radio, giornali e riviste / vi siete coalizzati per distruggere le menti…”. Ve lo ricordate il giovanissimo Ruggeri platinato che gridava “Che bello, è il lavaggio del cervello” coi suoi Decibel nel ’78? Già, erano gli anni caldi del punk e persino il cantautore milanese stava nell’infernal calderone. Dev’essersene ricordato anche lui di quei wild years, al sommo di una carriera da cantautore mainstream, scrittore, poeta, autore e conduttore televisivo, per aver accettato di prestare la sua (peraltro inconfondibile) grinta vocale a un brano del nuovo album di una band bresciana che urla ancora quell’idioma, ad anni luce di distanza nel tempo e (presumiamo noi) nel mondo di riferimento del Ruggeri attuale. Eppure l’impossibile è accaduto, e il brano (Sentymento, pare che mentre scriviamo il gruppo ne stia girando il video clip promozionale) è anche molto efficace e furioso, per gli standard del Ruggeri maturo. 

 

DelirioIl quale – grande fan del gruppo bresciano, ci dicono – sul nuovo album dei Mugshots si trova in folta quanto minacciosa compagnia: Steve Sylvester (voce) e Freddy Delirio (tastiere e produttore del disco, nella foto a lato) dei Death SS, Matt Malley (bassista fondatore dei Counting Crows), Tony “Demolition Man” Dolan (bassista dei Venom), qui vocalist in un recitativo dello strumentale Dusk Patrol, Mike Browning (batterista dei death metaller Nocturnus AD, qui al theremin oltre che ai tamburi), insieme ad altri metallari nostrani, come  Ain Soph Aour (dei Necromass), Manuel Merigo (chitarrista dei compaesani In.Si.Dia), Andrea Calzoni (dei pure bresciani Psycho Praxis, hard prog sempre di casa Black Widow), che pennella del suo flauto An embalmer’s Lullaby Part. 2. Per finire con un vero decano della scena prog italiana: Martin Frederick Grice, dal ’72 flautista dei Delirium (in cui mosse i primi passi il giovane Ivano Fossati), che qui contribuisce a Grey Obsession, uno dei brani più originali del disco, con quel suo andamento psichedelico-orientaleggiante servito, oltre che dal flauto di Grice, dal basso di Malley e dal theremin (più percussioni) di Browning. Il quale ne parla (in questo clip di presentazione dell'album) come di un ritorno alle atmosfere di Planet Caravan dei Black Sabbath (io avrei citato una Miss Argentina di Iggy Pop, dal sottovalutato Avenue B, colle sue esotiche tablas), ma insomma l’effetto di distacco da un cliché sonoro quello è.

 

alicePerché probabilmente Grey Obsession è anche il brano che si distacca più palesemente dal classico Mugshots sound: quelle radici horror punk/metal, ben piantate nella passionaccia del cantante/tastierista Mickey E. Vil e compagni per Alice Cooper (di cui nel precedente mini Love Lust And Revenge, prodotto da Dick Wagner, compianto chitarrista di Mr Bad Guy (e poi di Lou Reed), rivitalizzavano Pass The Gun Around, brano di Da Da, uno degli album degli ’80 meno amati dai fan dello shock rocker di Detroit. Radici che potrebbero ben spiegare il mazzo di ospiti da varie stagioni del rock duro italiano ed internazionale, ma che i Mugshots filtrano con un’eguale devozione agli Stranglers (con cui hanno anche suonato da supporter in tour), una delle band che ha arricchito la dark wave inglese tra fine ’70 e primi anni ’80 grazie ad una tecnica strumentale raffinata (quell’organo doorsiano di Dave Greenfield), “quasi prog” rispetto alla rozzezza dei tre accordi dell’epoca.

 

“I feel it inside / There’s no need to hide…” (*)

OysterStranlgersUna componente, quella dell’hard rock progressivo anni ’70, marchio di fabbrica dell’etichetta Black Widow che pubblica il disco, verso cui la band è stata guidata ad ampliare la propria tavolozza proprio dal guru di quest’ultima, Max Gasperini, il quale ha avuto il merito d’intuire che le notevoli doti compositive del cantante Mickey potevano esprimersi al meglio aprendosi verso forme sonore più ariose e complesse dello spettro sonoro che appunto va da Alice Cooper a Misfits/Danzig e Ripper. E che infatti ci aveva preannunziato circa un anno fa l’album ancora in gestazione dei Mugshots come un ardito ponte Stranglers/Blue Öyster Cult: due ere, due mondi che si saldano nell’evoluzione di un suono che li metabolizza per spingersi oltre.

 

IggyAveva visto giusto: checché noi fan tendiamo a seguire le correnti che ci insegnano a distinguere (Iggy è il pre-punk, Alice Cooper e Blue Öyster Cult sono hard, Stranglers e Misfits punk/wave), i grandi hanno sempre mescolato le carte. Come già si rievocava in un nostro passato articolo, teniamo a mente che Lou Reed fece suonare in Berlin i chitarristi Wagner e Hunter ma anche i fiatisti jazz Brecker, il bassista dei Cream Jack Bruce e il tastierista dei Traffic Stevie Winwood, col batterista zappiano Aynsley Dunbar e il bassista Tony Levin, futuro crimsoniano. Eppure Berlin è il disco in cui si dice che Reed abbia ritrovato le atmosfere dei Velvet. Così come Iggy si è evoluto cantando con l’amico Bowie, che per esempio su Soldier lo affianca insieme ad Ivan Kral (Patti Smith Group), Glen Matlock (Sex Pistols), Barry Andrews (Xtc) e… ai Simple Minds! Eppure lui è sempre Iggy, evolve - oltre il punk e il metal - fino ad ospitare Medeski, Martin & Wood (sul citato Avenue B) e rimane se stesso con Josh Homme (nell’ultimo, sempre valido Post Pop Depression).

 

MugshotsRizziQuindi, se siete arrivati fino in fondo al torrenziale excursus, non chiedete “per chi suonano le campane” (a morto) dei Mugshots: come direbbe Hemingway, esse suonano per voi, cioè per dar forma al rock del 2016, di cui Something Weird (che esce in cd e vinile con la copertina fumettistica che vedete in apertura, disegnata dall’horror-comic-rocker Enzo-HeavyBone-Rizzi, del quale qui a lato contemplate una sobria tavola) è sicuramente uno dei dischi da top 10 playlist. Un album svelto e compatto (poco meno di 49’) quanto policromo, in cui i molti ospiti arricchiscono senza strabordare, mostrando di saper uscire anche dai propri cliché. Ma, soprattutto, un album che condensa tutte le sfumature fin qui sviscerate in 12 brani energici, che si fanno ascoltare con piacere “pop” al di là di ogni categoria stilistica prog-metal-punk-wave, come testimonia (da un punto di vista tutto personale) il superamento dello spartano “test-d’ascolto-figlia-18enne-non-metallara”, al cui confronto impallidisce anche il Voight-Kampff test per stanare i replicanti di Blade Runner!

Speriamo che se ne accorgano anche fuor d’Italia, questo è un disco che potrebbe girare bene a livello internazionale. Per gli horroristi navigati (italiani o non), si consiglia l'ascolto insieme alla lettura dell'antologia Il Cimitero dei Vivi di Poppy Z. Brite (Independent Legions)

 

Mario G

 

(*) versi da Sentymento, testo di Mickey E. Vil

 

Last modified on Monday, 05 December 2016 18:09
Rate this item
(3 votes)
Website Security Test