Print this page

Parte il FantaFestival, aliene visioni a Roma

Written by  16 Jun 2012
Published in Notizie
Read 4781 times
Dal 18 giugno al 1 luglio la Capitale ospita la 32a edizione della Mostra Internazionale del film di Fantascienza e del Fantastico. Molto horror, proiezioni in anteprima per l'Italia e una tavola rotonda connettivista fra gli incontri.

 



Segnaliamo a voi cybernauti postumani l'avvio ricco della XXXII edizione del FANTAFESTIVAL (Mostra Internazionale dei Film di Fantascienza e del Fantastico – con un programma (che vedete per esteso QUI) irto di film inediti per l'Italia (non ancora distribuiti sul grande schermo nè in home video, o introvabili) e di anteprime, in programma a Roma dal 18 all’1 luglio.


Film d’apertura alla Casa del Cinema il 18 giugno sarà Intruders, horror soprannaturale e sequel di 28 giorni dopo firmato da Juan Carlos Fresnadillo (regista del non dimenticato Intacto) e interpretato da Clive Owen. In chiusura, l’attesa anteprima di The Thing (foto a destra), remake di un classico storicocome La cosa da un altro mondo, film realizzato nel 1951 da Howard Hawks, e riproposto nel 1982 dal mitico John Carpenter in una versione personalissima post-Alien, che ha fatto storia a propria volta nel cuore dei fantafan di tutto il mondo ormai.

articles7_the thing (13).jpg


Per festeggiare il centenario della Universal, il FantaFestival ospiterà anche un concorso per racconti fantastici, che verrà presentato in occasione dell’inaugurazione della kermesse.


E’ una vera e propria anteprima mondiale quella dell’italiano L’eremita, firmato dal regista e compositore Al Festa. Un po’ horror-satanico, un po’ intimistica ricerca di un’anima collettiva che possa essere rinascita di un mondo nuovo, quello post-apocalittico. Fine del mondo e venuta dell’Anticristo, partendo dal ritrovamento della parte mancante di un fantomatico codice purpureo. Ed è un’anteprima assoluta anche quella di Masks (foto sotto a sinistra) del regista tedesco Andreas Marschall (già regista dell'ottimo Tears of Kali interverrà alla proiezione del 29 giugno): presentato come un omaggio a Suspiria di Dario Argento, è il titolo che più ingolosisce il vostro scrivente, appunto per l'ambientazione in una scuola teatrale, in cui segretamente si pratica ancora un metodo di recitazione così intensamente "teatro della crudeltà" da causare una catena di morti violente.

articles7_masks (2).jpg




Quanto ai titoli stranieri ancora inediti in Italia o approdati direttamente in Dvd (per molti, un’occasione quasi unica di mostrarsi sul grande schermo), molti parlano americano. Così, il film di vampiri Midnight Son di Scott Leberecht; The Infliction di Mattan Harris (che sarà presente alla proiezione), con i suoi omicidi seriali; il potente The Woman di Lucky Mckee, un grande horror con protagonista una giovane donna selvaggia che vive nei boschi, da noi già citato (nell'articolo sui Manetti) ma non ancora recensito: speriamo che sia l'occasione buona per avviarne la distribuzione in Italia!
Ancora, lo zombie-movie Deadheads di Brett e Drew T. Pierce; e il thriller psicologico Shiver di Julian Richards (autore qualche anno fa del discreto e metafilmico Last Horror Movie).


Coproduzione italo-americana è invece Silver Case di Christian Filippella - che introdurrà la visione del film assieme alla produttrice/attrice Claire Falconer - pronto ad immergerci in una Los Angeles costiera e interurbana in cui uno spietato produttore hollywoodiano vuole distruggere il suo diretto concorrente, e per farlo è disposto davvero a tutto.


Dal Giappone arriva invece Undertaker di Naoyoshi Kawamatsu, dalla Germania una doppietta di titoli come Inbred (per la precisione una co-produzione anglo-tedesca) di Alex Chandon e Die Farbe di Huan Vu. Storia di un gruppo di ragazzi con problemi comportamentali che si trasforma strada facendo in uno splatter-movie il primo; lungometraggio indipendente tratto dal racconto di Howard Phillips Lovecraft (“Il Colore venuto dallo Spazio”) il secondo.

Infine, la co-produzione franco-norvegese Dark Souls, diretta a quattro mani da César Ducasse e Mathieu Peteul e lo spagnolo Games of Werewolves di Juan Martinez Moreno, horror gotico dai contorni comici e delirante, tratto da una graphic novel spagnola di grande successo, “Lobos de Arga”.

Molto horror nel carniere, dunque, sembra testimoniare l'interesse che il genere continua a smuovere (finalmente) anche nella vecchia Europa, e persino in Italia (!), oltre che l'apertura mentale dei curatori, che non frappongono barriere pregiudiziali a 'contaminare' la fantascienza 'pura' (peraltro in Italia al lumicino, notoriamente, come si diceva a proposito del film 'alieno' dei Manetti) con gli altri sottogeneri del fantastico.

Ricordiamo inoltre che lunedì 25 giugno, alle ore 19.00, si svolge al Centro Elsa Morante la tavola rotonda "Lo stato dell'arte sul fumetto e letteratura di genere fantastico in Italia", cui interviene - nel panel coordinato da Pierluigi Maneri - anche l'amico Sandro Battisti. Mentre un altro connettivista, Francesco Cortonesi, presenta nell'ambito di FantaItaly - Note Fantastiche il progetto "Like Icke", di cui avete già letto in occasione del Fanta Festival Mohole.Qui il trailer sarà proiettato la sera di sabato 30 giugno, dalle 20,30 nella sezione Fantacorti alla Sala Kodak della Casa del Cinema. Il regista Federico Greco e l'auore Danilo Arona in sala lo presenteranno al pubblico.


Tutte le proiezioni saranno ad ingresso gratuito e si svolgeranno presso la Casa del Cinema, in Largo Marcello Mastroianni 1 , al Cinema Trevi, Vicolo del Puttarello, 25; Fantaitaly – Note fantastiche – Fantacorti e incontri letterari presso il Centro Culturale Elsa Morante, nell'omonimo Piazzale, sempre a Roma.


Buone visioni, appuntamento a Roma!


Last modified on Tuesday, 19 June 2012 09:49
Rate this item
(0 votes)
Login to post comments
Website Security Test