Print this page

Drive, nuovo capolavoro di Refn

Written by  12 Oct 2011
Published in Cinema
Read 6651 times
Nel noir "americano" Nicolas Winding Refn non diluisce le coordinate del suo stile asciutto e affilato, ottenendo il massimo attraverso i dialoghi scheletrici di un cast perfetto.

 

 

 

 


 

Drive, il primo film del danese che finalmente esce anche nelle sale italiane, è un'ottima occasione per fare il punto su quello che si è ormai affermato come uno dei registi europei più interessanti in circolazione (personalmente, lo considero il principale pretendente al trono che finora riservavo a un Lars Von Trier).

La trilogia di Pusher, ormai,si trova tutta in dvd (Bo Casper, Prima Distribuzione e One Movie): mea culpa, ho visto solo il secondo film che è un buon noir urbano, valida premessa per il film di cui parliamo qui, ma sinceramente non divide la storia in due.

Ben altra folgorazione riserva Valhalla Rising, visto al Science+Fiction del 2009 (e oggi disponibile in dvd 01 con sottotitoli italiani dei pochissimi dialoghi): praticamente l'Aguirre del 2000, sontuosissimi quadri di cupi scenari naturali, violenza primordiale e silenzio di tragedia greca per una vicenda in cui simbolo e misticismo laico presiedono alla drammaturgia.

articles6_bronson.jpg

E' da lì che son partito a cercarmi il precedente Bronson (oggi c'è in dvd italiano distribuito Fox, a destra la fascetta), del 2008: vita del detenuto più famigerato e temuto d'Inghilterra (da cui gli sbrigativi paragoni con Arancia Meccanica), una specie di Edward Bunker d'Albione, resa però astratta e teatrale come una performance di video art. La violenza di un uomo che rifiuta la legge ad un livello quasi di dna e che fa a pugni per tutta la vita con il mondo, nel chiuso di una gabbia... quasi come se in fondo combattesse con se stesso.

La conferma di un autore geniale e spontanea la domanda: ma come fa questo qui a realizzare (e senza disporre di mezzi enormi) film così compiuti, incredibilmente innovativi sul piano formale e girati sempre da dio?

articles6_fearx.jpg

A questo punto era inevitabile scovare anche Fear X, prima incursione di Refn in terra americana (è del 2003): pare, un flop di mercato (come stupirsene?!), ma in realtà un altro grandissimo - benché sempre diversissimo - film dai silenzi pesanti come macigni.
Se i delinquenti di Pusher possono ricordare alla lontana l'umanità deragliata di Trainspotting, il Turturro guardia di supermercato ossessionato dall'omicidio casuale della moglie, che si perde in ore e ore di videocassette di sicurezza in cui cercare impossibili indizi per scoprire i colpevoli (e, alla fine, una ratio in un male incomprensibile) rimanda più al "giallo filosofico" dell'Antonioni di Blow Up.
Anche di Fear X è stato distribuito un dvd italiano (ancora 01, fascetta a sinistra): se lo trovate non fatevelo scappare, non vi pentirete della spesa.

articles6_drive-2.jpg

E ora ritorniamo a Drive, film tratto (con qualche riduzione sui piani temporali) dall'omonimo romanzo di James Sallis (edito per l'Italia da Giano) e sceneggiato per il regista da Hossein Amini (intervistato con il regista su Nocturno di settembre): si ritorna nel genere noir urbano da cui Refn era partito, si torna in terra (e produzione) americana, che mette a disposizione del regista un protagonista perfetto, il glaciale Ryan Gosling (nella locandina in apertura e sotto a sinistra), bello, a modo e inquietantemente impassibile; accanto a lui la dolce Carey Mulligan (qui a destra), giovane mamma/moglie di un pregiudicato perseguitato dalla mala (uno dei due grotteschi e spietati padrini è interpretato con gigionismo sornione da Ron Perlman, attore-feticcio di Del Toro e storico 'Salvatore' nel Nome della Rosa).

articles6_drive-1.jpg

Il trailer inganna tutti promettendo un action spericolato di inseguimenti e corse in auto (infatti in sala abbondano i 16enni ridanciani): niente di più sbagliato. Refn è sempre lui, e ci inchioda alla poltroncina con una vicenda dalle movenze lente e dai dialoghi ridotti al monosillabo quotidiano ("Ti posso offrire un bicchier d'acqua?"...... 30 secondi di silenzio e poi.... "Sì". Neanche Sergio Leone!).

articles6_drive-3.jpg

Come ci inchioda? Con il meccanismo di una moderna tragedia: capiamo subito che quei personaggi così quotidiani e soli sono diretti a capofitto in guai che non potranno che infittirsi a spirale. Quindi le stasi e i silenzi ci generano la suspence, non nel senso di dubbio su cosa accadrà, bensì di attesa spasmodica di quel che sappiamo si sta addensando come una nube nera e ci opprime con un senso di minaccia.

Cioè la violenza. Se l'ambientazione del film può ricordare l'epopea dell'antieroe urbano del capolavoro Taxi Driver (qui siamo in una desolata e notturna Los Angeles), e il mood silenzioso e rattenuto - nei gesti come nelle parole e in ogni manifestazione emotiva - Le Conseguenze dell'Amore di Sorrentino, la violenza quando esplode colpisce duro.

Anche quando non è estrema, addirittura eccessiva (come nella scena dell'ascensore, ispirata - dice il regista su Nocturno - a quella di Irréversibile di Gaspar Noé), sul filo di un grottesco che rischierebbe di stemperarla... quando t'arriva, al termine di quei silenzi opprimenti, è un pugno allo stomaco anche se viene tenuta fuori campo (il che non sempre accade: un paio di scene sono toste). E qui il riferimento primo che mi viene alla mente è l'immortale Old Boy. Ma sicuramente l'ironia in Refn è molto più sotto traccia che in Park Wok Chan.

E quando la resa dei conti finisce, lasciandoci di fronte a un finale aperto, usciamo dalla sala in punta di piedi. Per paura di guastare quel silenzio col rumore delle scarpe. Che poi tocchi pure a noi.

Grande Refn, daccene ancora.


Mario G

 

 

 

Last modified on Thursday, 20 October 2011 10:45
Rate this item
(0 votes)
Website Security Test